INTERVISTE D'ARTISTA E STORYTELLING

di Katrin Fresh

 

Duo Michele Carulli e Serena Chillemi

STORY DUO.jpg

Cosmin Haias

Screenshot 2019-05-03 19.50.27.png

Narcisa Fluturel  

Storytelling.jpg

Narrazione Narcisa Fluturel: Trasferimento | Storie dell'East Side. La storia dietro il progetto

Intervista alla coppia di artisti Narcisa Fluturel e Massimo Fiorito

1/14

press to zoom
003
003

press to zoom
006
006

press to zoom
1/6
1/5
1/12

Intervista a Narcisa Fluturel:

 

Freschezza di Katrin:  Dove trovi l'ispirazione per le tue foto?

 

Narcisa Fluturel:  Prendo l'autobus, mi siedo sui sedili del bar e osservo la gente. Poi mi vengono in mente storie a riguardo: come vivono queste persone? Cosa fai nel tuo tempo libero? Come appaiono quando sono arrabbiati? Queste immagini sono impresse nella mia testa.  Mi piacerebbe raccontare tutte queste storie!

Freschezza di Katrin:  Sei venuto in Germania quando avevi 15 anni. Devi esserti sentito piuttosto estraneo lì. come l'hai affrontato

 

Narcisa Fluturel:  "Ho cercato di sentire la stranezza  coprire. Penso che quando hai quindici anni ti nascondi molto. Non sai chi sei e cerchi di scoprirlo. Come probabilmente tutte le ragazze di quell'età, ho cercato dei modelli. Soprattutto dopo le donne che pensi siano grandiose. E come molte altre ragazze, ho cercato di essere come lei. Sono scivolato in ruoli diversi, a volte consapevolmente, a volte inconsciamente”.

Freschezza di Katrin:  Ti avvicini molto ai personaggi nella tua arte. Ti identifichi con loro?  

 

Narcisa Fluturel:  Tutti i miei ricordi mi modellano e diventano parte di me. Se mi piacciono le persone, a volte ne prendo il controllo, consciamente o inconsciamente. Penso che lo facciamo tutti.

Freschezza di Katrin:  Con tutte le tante storie che racconti, i diversi ruoli in cui ti infili - come fai a non perdere di vista la "vera" Narcisa?  

 

Narcisa Fluturel:  "Penso che sia curativo fare ogni tanto un salto mortale alle proprie origini e scoprire se stessi: cosa ci appartiene veramente? Cosa incontriamo quando guardiamo nel profondo di noi stessi, per così dire, quando guardiamo il nostro film d'infanzia sullo schermo interiore?

Freschezza di Katrin:  Secondo te, quanto sono fattuali e previste le vite umane?

 

Narcisa Fluturel:  La vita è un'opera d'arte che ognuno di noi crea. Ognuno ha l'opportunità di modellarlo e dargli nuovi colpi di scena. Questa è pura poesia per me!

Intervista a Massimo Fiorito:

Freschezza di Katrin:  I tuoi genitori vengono dal sud Italia, sei nato a Verona, poi ti sei trasferito a Milano e vivi a Monaco ormai da molti anni. Dove ti senti a casa, Massimo?

 

Massimo Fiorito:  Mi sento a casa dove mi sento a mio agio. Questo è attualmente qui a Monaco di Baviera. Non ho alcun legame emotivo con la mia città natale, Verona. Lo scenario a Verona è abbastanza bello, ci sono alcuni bei palazzi e monumenti, ma tutto questo è intercambiabile.

Ho pochi bei ricordi di questo posto.

Freschezza di Katrin:  In che misura la tua origine ti ha influenzato?

 

Massimo Fiorito:  I miei genitori sono entrambi del sud Italia e sono immigrati nel nord Italia con le loro famiglie negli anni '50 per creare una situazione di vita migliore per se stessi. Mia madre era una casalinga e letteralmente proprietaria di un'azienda di famiglia. Era appassionata di cucina e di gestione della famiglia. Ad un certo punto ha comprato un telaio e fatto tessuti. Per un po' ha avuto il suo negozio che vendeva vestiti e tessuti alla moda. Mio padre era una persona molto cosmopolita ed era lui stesso un artista e un uomo d'affari. Ha gestito tre boutique a Verona, che ha sempre disegnato in modo molto artistico. Sfortunatamente, il successo finanziario è caduto nel dimenticatoio. Non era un vero uomo d'affari e doveva sempre destreggiarsi. Oltre al suo senso estetico, ho imparato da lui la capacità di insegnarmi qualcosa e di adattarmi costantemente a nuove situazioni.

 

Freschezza di Katrin:  Quali erano i tuoi progetti futuri da bambino?

 

Massimo Fiorito:  Da bambino volevo fare l'avvocato e difendere la giustizia! Volevo aiutare le persone deboli, ma alla fine non ero abbastanza forte per farlo da solo. Essendo il più giovane di tre fratelli, ho avuto difficoltà a farmi valere. Poi ho deciso di fare la praticantato come ragioniere.

 

Freschezza di Katrin:  E come ti sei avvicinato alla fotografia allora?

 

Massimo Fiorito:  Mio fratello aveva un'ottima attrezzatura fotografica per l'epoca e me la lasciava usare una volta ogni tanto. Poi ho imparato da solo a scattare foto. All'età di 23 (?) ho comprato la mia prima macchina fotografica. La fotografia è sempre stata più un'attività secondaria per me, ma è diventata una parte sempre più importante della mia vita. All'inizio ho provato di tutto: reportage, moda, balletto, ritratti, modelle e aspiranti modelle. Ho anche fatto riproduzioni per artisti. Più tardi ho guadagnato i miei soldi con la fotografia pubblicitaria. Non mi sono mai visto veramente come un artista. È successo solo nel tempo dopo che nel 2005 ho deciso di fare un progetto artistico con Narcisa.

 

Freschezza di Katrin:  Dove trovi le idee per la tua arte?

 

Massimo Fiorito:  Ovunque e da nessuna parte. Leggo molto e giro il mondo ad occhi aperti. A volte viene un'idea, a volte nessuna. Non posso dare una risposta generale a questo.

 

Freschezza di Katrin:  Ti vedi come un artista?

 

Massimo Fiorito:  No, o diciamo no. Da quando faccio progetti comuni con Narcisa, più di prima. Ma faccio foto perché è la mia passione. Non penso sempre a come l'arte potrebbe essere accolta da un potenziale pubblico. Questo non ha significato per me.  

Freschezza di Katrin:  Di cosa sei preoccupato?

 

Massimo Fiorito:  Quello che veramente mi preoccupa è la situazione del nostro ambiente. Ora ci sono più carte SIM che persone nel mondo. E se la mia reputazione di fotografo fosse molto importante per me, dovrei procurarmi un nuovo SUV e l'ultima attrezzatura fotografica ogni due anni. Quale può essere il mio contributo personale per cambiare questa situazione? Come persona e come artista? Posso cambiare qualcosa? Ciò che preoccupa anche me: se si prende sul serio il problema dei rifiuti, in realtà dovrebbe interessare anche l'art. E se ne trai le conseguenze? Non ci sarebbe più arte? Oppure può esistere un'arte che si affranca completamente dalla materia?

 

Freschezza di Katrin:  L'arte può anche indicare la strada verso un mondo migliore?

 

Massimo Fiorito:  È sempre stato compito dell'arte toccare e risvegliare le persone attraverso l'arte. L'arte può mostrare la strada per dove sei stato, dove sei e dove vuoi andare. Per me, uno dei grandi compiti dell'arte è mostrare che c'è sempre una via d'uscita dalla miseria.  

 

Freschezza di Katrin:  Vuol dire che l'arte deve evocare soprattutto scenari negativi, come molte fiabe o gli scenari del purgatorio nelle chiese tardomedievali?

 

Massimo Fiorito:  Sì, ma non solo. Sento che le persone si sono già abituate un po' troppo agli scenari distopici. Non è eccitante chiedersi come potrebbe essere il mondo ideale? Non vedo quasi mai un'arte del genere. Forse perché si teme che venga percepito come kitsch o ingenuo.